mercoledì 26 agosto 2015

T-72 - Cenni storici (historical notes)

T-72 tank in Russian service (2)

Il T‑72 è un carro armato da battaglia (MBT) prodotto in Unione Sovietica a partire dagli anni '70; è utilizzato ancor oggi in Russia e nei paesi ex-URSS, nonché in molti altri stati in tutto il mondo.

The T‑72 is a Main Battle Tank (MBT) produced in the Soviet Union since the 1970s; it is still used in Russia and in the former-USSR countries, as well as in several other nations around the world.

Esso è nato come un'evoluzione del carro T‑62, concepito come un'alternativa "economica" agli avanzati e costosi T‑64 e T‑80. È destinato infatti ad equipaggiare i reparti corazzati di seconda linea dell'Armata Rossa, lasciando i T‑64 e T‑80 a quelli di prima linea.

It takes origin from an evolution of the T‑62 tank, conceived as a "cheap" alternative to the advanced and expensive T‑64 and T‑80. They were in fact to be assigned to the second-line units of the Red Army, being T‑64 and T‑80 instead intended to be used by first-line troops.

L'equipaggio consiste in 3 uomini, pilota, capocarro e artigliere; il servente è stato sostituito da un sistema automatico di caricamento. Ciò consente di ridurre le dimensioni del mezzo, rendendolo quindi un bersaglio più difficile, oltre a permettere di equipaggiare più carri a parità di personale. Di contro si sacrifica l'ergonomia, dato che l'equipaggio deve operare in ambienti più ristretti; il sistema di caricamento, inoltre, non è pienamente affidabile, e richiede oltretutto che le munizioni siano stivate in una parte poco protetta della torretta, dove possono essere colpite ed esplodere uccidendo tutti gli occupanti.

The crew consists of 3 men, that is driver, commander and gunner; the loader has been replaced by an automated loading device. This reduces the size of the tank, thus becoming a harder target, and allows to assign crews to more vehicles with the same number of personnel. On the other hand, however, there is less comfort, since the crew has to operate in a cramped space; moreover, the loading system is not fully reliable and requires also that the ammunitions have to be stored in a poorly protected part of the turret, where they can be hit and explode, thus killing the whole crew.

L'armamento principale è costituito da un cannone della serie 2A46M da 125 mm a canna liscia, capace anche di lanciare missili guidati anticarro 9M119 Svir' (AT‑11 Sniper nella designazione NATO), mentre l'armamento secondario consiste in due mitragliatrici, una PKT da 7,62 mm coassiale al cannone e una NSVT da 12,7 mm manovrata dal capocarro in funzione antiaerea.

The main armament is a smoothbore 125 mm (4.92 in) gun of the 2A46M series, capable also of launching 9M119 Svir' (AT‑11 Sniper in the NATO designation) anti-tank guided missiles, whereas the secondary armament consists in a coaxial 7.62 mm (0.3 in) PKT machine gun and in an anti-aircraft 12.7 mm (0.5 in) NSVT machine gun manned by the commander.

Il T‑72 è tuttora in servizio nell'esercito russo nei reparti di riserva, ed è impiegato da numerosi altri operatori in tutto il mondo. Ha combattuto in decine di conflitti, con buone prestazioni quando si confrontava con mezzi dello stesso periodo (guerra Iran-Iraq, guerra in Libano del 1982,...) ma venendo invece surclassato quando combatteva contro carri più moderni (come nella Prima e nella Seconda Guerra del Golfo). Ne sono stati costruiti circa 25.000 esemplari in numerose varianti. Da esso deriva inoltre il moderno carro da combattimento russo T‑90.

The T‑72 is still in service with the Russian Army in the reserve units, and is also used by several operators around the world. It fought in tenths of conflicts, achieving good performance when fighting against tanks of contemporary design (Iran-Iraq War, 1982 Lebanon War,...), but being outperformed in confrontations against more modern opponents (like in the First and Second Gulf War). About 25,000 T‑72s were built, with several variants. Moreover, from it descends the T‑90, a modern Russian MBT.


T-72 tank in Russian service (2)
Posta un commento